Lifestyle

SANA 2017 🌿🌸🐰: la mia esperienza, le foto e vi svelo le novità! 📸🔍

Avete presente i bambini il primo giorno di scuola? E non parlo di quelli frignanti e smocciolosi, ma di quelli che, saltellando felici con la cartella nuova di zecca, hanno un sorriso invidiabile. Ecco, Venerdì 8 Settembre 2017 anche io ero come loro, una volta giunta al SANA di Bologna: dopo essermi ripresa dal fatto di aver dormito solo 3 ore, essermi truccata in treno tra una galleria e l’altra, aver scordato il caricabatterie a casa, pisciandomi sotto ed alternando momenti in cui morivo di freddo ad altri in cui sudavo. Insomma, arrivata a Bologna anche io ero felice.
Logo Sana_PayOff_VertIT
Per la prima volta sono stata al SANA, il salone del biologico e del naturale, un evento annuale imperdibile per chiunque sia appasionato o lavori nell’ambiente green:  un weekend intero  dove “alimentazione biologica, cura del corpo naturale e bio e green lifestyle sono le tre aree tematiche presenti in forze con linee e prodotti per ogni tipo di esigenza“. E, da blogger, come potevo perderlo? Il biglietto, per un solo giorno, l’ho acquistato online con la carta di Naturasì, che dava diritto ad un bello sconto.
IMG_4491
Dalla stazione, in 10 minuti di autobus, si arriva all’aera fieristica di Bologna e qui, tirando fuori la mia GoPro per documentare il tutto, mi sono accorta che avevo la memory card piena: 10 punti a Veronica, niente applausi signore e signori, per favore. Ho dovuto ripiegare sull’utilizzo del cellulare che, come dite? non avevo con me il caricabatterie? che domande, io di secondo nome faccio  idiota pericolo. Cosa importava che dovessi tornare a Roma, poi.
Armata del mio zainetto, della mia gonna che si alzava ad ogni passo, della mia voglia di fare e dei miei biglietti da visita, i quali sono stati spesso additati dalle mie amiche come “ah, sembrano quelli di una escort“, sono entrata diretta nell’area beauty.
mde

Due padiglioni di PURA MERAVIGLIA.
Green_4875
Ho girato e rigirato tra i vari stand: mi sono persa tra profumi, colori e texture, ho parlato con i produttori, con i distributori e con i clienti riguardo formulazioni, pack ed idee. C’è chi rimane ancorato a tradizionali ingredienti, chi ha scelto la via tech, chi si presenta ad un pubblico di massa e chi vuole invece produrre per pochi: tutti hanno una  mission, che gravita attorno al rispetto della natura, degli animali, della pelle e dell’ambiente.
Ma quali sono le novità che mi hanno maggiormente colpita?

  • L’Erbolario

Lo stand era enorme, profumatissimo e davvero chic. Ho avuto la possibilità di annusare due nuove fragranze in uscita a Natale: Lillà Lillà, femminile e profondo ed Indaco, talcato ed unisex. Oltre alle nuove profumazioni, ho assistito al rinnovamento di formule su molti prodotti, segno del cambiamento di rotta per diventare un vero e proprio marchio ecobio.

  • Antos

Antos ha realizzato sul posto i suoi prodotti di punta, sempre economici e di qualità ed ha presentato la nuova maschera film elasticizzante che, una volta applicata, va spruzzata di spray attivante, in modo tale da farla gelificare e rimuoverla come una pellicola. L’ho vista all’opera e sembrava davvero particolare: lo spray e la maschera verranno venduti insieme, ad Ottobre.

  • Biofficina Toscana

Sempre minimal e colorata, Biofficina Toscana ha sorpreso tutti! Non uno, non due ma ben sei nuovi prodotti e una novità per il periodo natalizio: shampoo concentrato e balsamo per capelli lisci, lozione lisciante per capelli, scrub corpo ai burri ed olivello spinoso ( provato sulla mano e posso dirvi che avrei voluto spogliarmi e metterlo su tutto il corpo seduta stante), crema ricca all’olivello spinoso (a mio parere decisamente troppo ricca, quasi un vero e proprio panetto di burro) e l’idrolato di eucalipto. I prezzi saranno in linea con il brand.

La novità natalizia sono i cofanetti, adorabili, in collaborazione con Cose della natura: un messaggio di speranza nell’economia italiana, per me. Questa collaborazione la vedo come un segno che il made in Italy non è tutto una concorrenza spietata ed uno sminuire il lavoro altrui, ma un luogo dove vi è spazio per la riconoscienza, reciproco rispetto ed amicizia. All’interno del confanetto, che verrà 14,90 Euro, vi sarà una medium size del latte tonico bifasico o dell’acqua micellare ai frutti rossi ed una piccola spugna di Cose della Natura, da usare in sinergia con il prodotto Biofficina Toscana.

  • Benecosdav

Uno dei brand di skincare e makeup ecobio più economico in assoluto ha pensato, questa volta, anche al mondo maschile.  Una linea interamente dedicata a barbe e pelli maschili, con un design che mi ha catturata immediatamente: questo stile old school, marinaresco, davvero rock’n’roll. Oltre a nuove colorazioni per il makeup, anche Benecos non si è tirata indietro per l’avvento del Natale, mostrando i cofanetti “Winter Dream” con all’interno una lozione per il corpo ed un gel doccia….alla vaniglia. Dai, Benecos, a Natale, a me, non riempi di cannella e chiodi di garofano? La prendo sul personale.
dav

  • Bottega Organica

dav
Questo piccolo stand nscondeva dei prodotti davvero innovativi, sotto ogni aspetto: la carta delle brochure era riciclata da scarti di agrumi, l’inchiostro biodegradabile, le confezioni dei prodotti di finta plastica derivata da fibre naturali ed il restante in vetro. Il prodotto all’interno? innovativo quanto le confezioni: formule contro l’invecchiamento cutaneo con al centro l’estratto di salvia haenkei, la fonte più potente, di derivazione naturale, di inibitore della senescenza. Linea per capelli, per il viso e per il corpo a base di olii e burri, seguendo una tradizione di detergenza vicina alla nostra pelle. Il prezzo? Assolutamente non alla portata di tutti, un luxury brand a tutti gli effetti.
dav

  • Lavera

dav
Se, con i prodotti per capelli, io e Lavera non andiamo d’accordo, devo dire che conoscere questo gioiellino mia ha fatto venir voglia di riprovare qualcosa del brand. Oltre ad essere prodotto ad impatto climatico ZERO, questo siero leggerissimo, a base di alghe biologiche ed acido ialuronico naturale, è un idratante anti inquinamento, adatto a chi vive in giro per la città, in mezzo allo smog, gran parte della propria settimana. Essendo un siero, tuttavia, va applicato in combinazione con una crema viso, in particolare se avete la pelle secca. Menzione speciale al personale dello stand: gentilissimo e disposto a spiegare nel dettaglio ogni prodotto.

  • Lamazuna

dav
Avevo letto di questo brand francese su di una recensione di Francesca ( www.ioeteconunthe.it), mi aveva incuriosita a livelli epocali: TUTTO IN FORMA SOLIDA. Insomma, se mi leggete spesso, conoscete la mia fissazione per gli shampoo solidi, giusto? Bhè, loro fanno anche il dentifricio solido! Come non fermarmi, dunque, nel loro coloratissimo, così hippy, stand? Qui sono stata omaggiata di uno shampoo solido per capelli normali e di un burro corpo solido al profumo di Frangipani, dei quali vi parlerò senza dubbio una volta utilizzati per bene. Le aspettative sono alle stelle.
dav

  • DEFA

Brand di makeup e skin care, made in italy, vegan ok e con inci pazzeschi, conosciuto proprio sul posto e che dirvi: FAVOLOSO. Gente, vi giuro che ho potuto testare su di me la resa dei loro rossetti e del loro fondotinta/cipria e sono rimasta sbalordita: una qualità altissima ed una performance che non ha nulla a che invidiare ad un brand venduto da Sephora. Personale gentilissimo, di cuore, passionale e preparato: mi hanno mostrato la loro nuova collezione natalizia, ispirata alla luce, rossetti metallizzati ed ombretti cangianti. Devo aspettare novembre per poterla acquistare, è troppo lontano. Sono felicissima, poi, di essere stata truccata dalla loro ospite, la youtuber Giulia Cova, la quale ha realizzato sulle mie labbra questo look così dark e rock’n’roll: mi sono sentita una diva? certo che sì.
IMG_20170913_143223_078

  • Nature’s

IMG_20170908_115917

Questo brand aveva uno stand enorme, con anche un percorso olfattivo al suo interno: spaziale! Nature’s ha presentato le confezioni natalizie ( posso essere sincera? noiose e banali a parer mio) che racchiuderanno le loro fragranze di punta come Legni, Giardino d’Agrumi e ZENZERO. ZENZERO io non la conoscevo come fragranza e me ne sono, perdutamente, follemente innamorata. Un amore folle, che è durato fino a che non ho annusato la loro nuova fragranza unisex PEPE FONDENTE.
dav
Lì, miei cari, sono andata fuori di testa: una fragranza calda, speziata e persistente. Se invece siete per i profumi più dolci e femminili, allora vi piacerà Neroli Pesca, anche lui nuovissimo in casa Nature’s.
dav

  • PuroBio Cosmetics

dav
PuroBio non si smentisce MAI. Sempre sul pezzo, sempre pronti a stupire. Tra le novità più attese vi erano i rossetti liquidi matte e gli eyeliner. I rossetti liquidi mi hanno davvero spiazzata: seppur le colorazioni non siano proprio nelle mie corde ( troppi colori caldi) tranne qualcuna, il finish ed il prodotto sembrano estremamente validi. Avendoli solo swatchati sul braccio non so dirvi la resa sulle labbra, ma la stesura era molto confortevole, seppur il prodotto non sia così leggero. Anche qui aspettative a mille, appena le avrò tra le mani le testerò. Gli eyeliner sono due, perchè hanno due diversi applicatori: apparentemente ho paura che il prodotto sia troppo liquido, ma il tratto viene deciso e bello nero, con entrambi i pennelli. Anche qui, avendoli solo swatchati sul braccio, non voglio sbilanciarmi, ma non ho avuto bellissime senzasioni, purtroppo.
dav
Sono rimasta incantata, invece, da questo cofanetto: Desert dream. Quattro ombretti super pigmentati, ispirati ai tramonti dei deserti americani, una matita,un mascara ed un doppio applicatore. La chicca in più? lo specchio all’interno.

  • Francy Bio-Culture

dav
Azienda giovanissima, della quale non avevo mai provato nulla, mi ha deciso di omaggiare di quello che è il loro prodotto di punta, candidato anche come miglior prodotto SANA 2017: la tinta vegetale in crema a base di hennè. Curiosissima di recensirlo e testarlo, se dovesse essere valido come sembra, sarebbe la svolta per non doversi più sbattere con l’hennè in polvere. Oltre ad una linea per capelli molto fornita, (hanno uno shampoo alla FRAGOLA), la linea viso è molto interessante, in particolare per chi soffre di inestetismi cutanei: il concentrato anti brufolo va utilizzato, ad esempio, solo sulla zona da trattare per far seccare, in poco tempo, il brufoletto.
Queste erano alcune delle novità più interessanti di questo Sana 2017, ne ho altre, ma ve ne parlerò più avanti.
Menzione speciale, nel riassunto di questa giornata, va a loro, le blogger/colleghe che mi hanno guidata in questa mia “prima volta”: genuinità, bellezza e simpatia a palate. Sopratutto bellezza, lasciatemelo di’, loro sono: In Beauty Veritas, Miss Haul, Naturecobeauty e Sinceramentebio. ( le ho taggate sul post di facebook!)
Allora, che ne pensate? Quali novità vi attirano di più? cosa non vi piace dei brand proposti? qualcuno è passato al Sana quest’anno o gli anni precedenti? Ci vediamo lì il prossimo anno? 🙂 Fatemi sapere che sono curiosa!
Vi ricordo che potete seguirmi su Instagram come @the_strange01 e su Facebook come @Rocknbio
Stay rock’n’bio!!

No Comments
Previous Post
settembre 13, 2017
Next Post
settembre 13, 2017

No Comments

  • Dafne Cipriani

    I tuoi articoli non deludono mai, bellissimo e come sempre super simpatico *_* Bottega Organica sembra mooolto interessante, mi è sfuggito! Anche i profumi Nature’s non sembrano male *__*

    • rocknbioblog

      Guarda bottega organica sembra davvero figa, mi ha lasciato pure qualche campione ma i prezzi Madonna santa ahahahahahah io so già che prossima volta che vado da naturasí pepe fondente esce con me. O con me o senza di me. Ahahaha

  • katekatekate77

    Ho appena utilizzato il balsamo lisciante di Biofficina Toscana.. che dire.. dopo un solo uso lo amo già!! È il balsamo definitivo se vuoi i capelli lisci lisci!!

  • Luca

    Dev’essere stata un’esperienza bellissima, Veronica! 😉

  • rocknbioblog

    Cara, io sono stata molto veloce perché ho fatto un giro espresso ahahaha Comunque assolutamente bisogna rivedersi alla prossima occasione, magari anche prima del sana ahahha

  • bebibi

    Il mio rimorso peggiore del SANA? Non essermi fermata da DEFA. Non vedo l’ora esca la collezione invernale, voglio davvero tutto anche senza averlo swatchato ahaha complimenti per l’articolo!
    p.s ti ho nominata sul mio blog :)https://bebibi.wordpress.com/2017/10/02/blogger-recognition-award-15-blog-da-non-perdere/

Leave a Reply